Miele di Tiglio

Il miele di Tiglio viene prodotto grazie al polline dei fiori della pianta Tilia cordata e Tilia Platyphyllos, appartenente alla famiglia delle Tiliacee, ed è tra gli alberi più belli e alti delle zone temperate.

Fiore di Tiglio

Miele di Tiglio

La pianta di tiglio (Tilia cordata e Tilia Platyphyllos, Tilia americana della famiglia delle Tiliacee) è tra gli alberi più belli e più alti delle zone temperate, e può crescere fino a 20 metri di altezza.

Il miele si produce sia nell’arco alpino che in zone urbane o suburbane, sui tigli coltivati. Fiorisce da maggio a luglio. I fiori sono usati in farmacologia per infusi calmanti ed emollienti.

Caratteristiche organolettiche: il miele di tiglio cristallizza in ritardo formando per lo più cristalli grossi e irregolari. Il colore va da ambra chiaro a ambra, con riflessi giallo-verdi nei mieli più puri, quando liquidi; quando è cristallizzato da avorio a beige. L’odore è di intensità media-forte, balsamico e vagamente resinato. Così il gusto, molto persistente e con note rinfrescanti, agrumate ed amare.

Il miele di tiglio può essere mescolato a castagno (formando in varie gradazioni quello che viene familiarmente chiamato “castiglio”), prende anche in questo caso un colore più scuro e una nota amara, tannica tipica del castagno.

Il miele di tiglio, oltre a sposarsi per affinità con tisane d’erbe, è un ingrediente duttile in una varia serie di specialità gastronomiche, in particolare nella preparazione di torte.

Miele di Tiglio

Caratteristiche Organolettiche

Vaso Miele di Tiglio produzione Apicoltura F.lli Meazza

CONSISTENZA: Cristallizza in ritardo formando per lo più cristalli grossi e irregolari

COLORE: Da ambra chiaro a ambra con riflessi giallo verdi

ODORE: Intensità medio forte, balsamico e vagamente resinato

SAPORE: Molto persistente e con note rinfrescanti, agrumate ed amare

AROMA: Aroma più intenso dell'odore, ma simile

Il Nostro Miele

Miele

Torna all'indice